12 MESI A COLORI

Anche quest’anno arriva puntuale il calendario 2019 dell’Associazione Altre Parole.

I mesi sono rappresentati dagli acquerelli, frutto del laboratorio che si tiene ogni martedì pomeriggio presso il reparto di Oncologia e dei pensieri delle autrici.

I colori e tante storie come la mia hanno dato speranza alla mia vita (GENNAIO)

I momenti più belli sono quelli passati insieme; i sorrisi più belli nascono dalle lacrime condivise (FEBBRAIO)

“Lasciati andare” …mi sentivo dire. Il risultato? Una grande emozione (MARZO)

Acqua e colore: ferite, sogni, speranze che si fondono sul bianco foglio (APRILE)

Un foglio bianco…Voglio che ogni pennellata impressa diventi un segno che porto in me (MAGGIO)

Emozioni che assumono forma nella libertà dell’interpretazione… (GIUGNO)

Sul foglio prende vita l’immagine meravigliosa che mi dà tanta gioia (LUGLIO)

Tra i nostri acquerelli non c’è il nero perché nella vita vogliamo far entrare solo la luce e i colori (AGOSTO)

L’acquerello: percorso di cura che trasferisce sul foglio paure, emozioni e gioia di vivere (SETTEMBRE)

L’acquerello: una pennellata d’amore che mi fa apprezzare tutto il bene e la bellezza che mi circonda (OTTOBRE)

L’importante è trasferire sul foglio le nostre emozioni. Questo sarà per noi un atto liberatorio (NOVEMBRE)

Insieme siamo gocce di colore a testimoniare il nostro ritorno alla luce (DICEMBRE)

La copertina rappresenta un acquerello a più mani che illustra la Clematide, fiore dall’influenza misteriosa che rilassa la tensione e quasi la dissolve diventando “gli occhi” con cui guardare cosa c’è dentro e fuori di noi per condividerlo con gli altri.

Copertina Calendario 2019

Il calendario si può trovare presso i reparti di Oncologia di Cittadella e Camposampiero e, nel periodo natalizio, presso il mercatino che sarà allestito a fianco del bar dell’Ospedale di Cittadella.

Vi invitiamo a visitarlo!

12 mesi a colori

Ecco il calendario 2018 dell’Associazione!

Sono dodici acquerelli che rappresentano non solo i mesi, ma soprattutto la fantasia, le emozioni, i sogni delle autrici, accompagnati da una riflessione personale.

Potete ammirare la copertina, il mese di gennaio e, a titolo esemplificativo, gli acquerelli dei restanti mesi.

 

 

Il calendario è in vendita presso i reparti di Oncologia di Cittadella e Camposampiero e presso il mercatino dell’Associazione allestito nello spazio espositivo adiacente al bar dell’Ospedale di Cittadella.

Calendario 2018
Calendario 2018

INCONTRI CON L’ACQUERELLO

Il progetto “Incontri con l’acquerello” è nato nel 2010 dall’esigenza dell’équipe curante del D.H. oncologico di Cittadella e Camposampiero, di contribuire al benessere dei pazienti, nell’ottica dell’umanizzazione delle cure.

Licia Gasparin, acquarellista di grande sensibilità, dovuta anche al percorso intrapreso per vincere la malattia, ha dato disponibilità gratuita a seguire i gruppi di pazienti che si incontrano

ogni martedì  dalle 14:00 alle 18:00 presso il D.H. oncologico di Cittadella.

Il materiale, che comprende fogli, pennelli e acquerelli, è finanziato dall’Associazione “Altre Parole”; come metodo, è utilizzato un percorso a tema che segue la rappresentazione della propria identità sul foglio, in modo da realizzare un percorso emotivo-espressivo, necessario per far fronte alle difficoltà e al disagio del vivere, per riacquistare leggerezza e fiducia in se stessi e per ritrovare la capacità di trascendere il conflitto interiore.

Riportando le parole di Licia Gasparin, “… l’acquerello, come tecnica espressiva, oltre che di conoscenza del mezzo pittorico, necessita anche, e soprattutto, di ascolto e di sensibilità, in modo che mente, cuore e mano siano in totale armonia e sintonia per poter esprimere con “ altre parole” ciò che è dentro di noi …”

Particolarmente significativi sono gli acquerelli eseguiti “a più mani”, cioè frutto di un lavoro ottenuto dall’intervento e dal contributo di più pazienti. Ognuna è nel dipinto e lo è in modo inscindibile dal gruppo di cui fa parte, come i pigmenti che colorano e che, a volte, si mescolano con l’acqua dando origine a cromie nuove, ma impreviste e sorprendenti così come lo sono gli scambi di esperienze e il nascere di nuove relazioni.

Il concetto che si vuole perseguire, quindi, segue l’ottica dell’umanizzazione della cura che appartiene alla persona, quindi bisogna considerare tutti gli aspetti che ne fanno parte, offrendo al paziente non solo ottima professionalità e ottimi farmaci, ma anche tanti modi per esprimersi e per condividere le difficoltà del proprio percorso di cura.

Risultati attesi

Gli incontri con l’acquerello prevedono la costituzione di “gruppi” formati da persone intenzionate a vivere un’esperienza complementare alla cura, in cui potersi confrontare con gli altri e rendere esplicito sul foglio di carta il proprio vissuto, anche durante le terapie mediche.

Altri risultati attesi possono essere, quindi, la riduzione nei partecipanti degli effetti collaterali delle terapie e una maggiore risposta alla sindrome della “Fatigue”, dovuta alla chemioterapia, con conseguente diminuzione degli indici di depressione.

… come margherite

Dopo l’incontro del 5 aprile 2017 con Papa Francesco, c’era così tanta emozione da esternare che un prato di margherite sembrava adatto a esprimere l’euforia e l’empatia vissute durante questo straordinario evento.

La margherita è un fiore semplice e modesto, forse scontato, ma proviamo a immaginare un prato senza questi fiori generosi che con i loro petali a raggiera, ben saldi tra loro attorno a un giallo capolino, si aprono alla luce e al sole.

Sarebbe un prato monotono, triste…un prato senza vita!

Ne è derivata una riflessione.

Nella realtà familiare, lavorativa o in altri campi, come per la margherita la nostra presenza, a volte, è scontata, ma se venissimo a mancare, anche solo per poco tempo, questa assenza si noterebbe. Eccome!

Gli acquerelli dipinti “a più mani”, inoltre, ben rappresentano l’unità e la forza del gruppo, nonché la condivisione di esperienze non sempre facili, ma che possono ancora portare “la luce e il sole”.

Segreteria Organizzativa:

+39 333 5329519

info@associazionealtreparole.it